MOBILITA’ SOSTENIBILE: Dalla ciclabile Tevere al mare

Articolo pubblicato sulla La Lente Web del 7/9/2017

http://www.lalenteweb.it/mobilita-sostenibile-con-ciclabile-mare/

Molte associazioni hanno supportato la causa della mobilità sostenibile: ecco tutte le informazioni relative al progetto della pista ciclabile che permette di arrivare al mare

LE ASSOCIAZIONI – Il panorama romano degli amanti delle due ruote è costellato di molte associazioni che hanno deciso di dedicare le loro migliori energie alla causa della mobilità sostenibile, cercando quotidianamente di apportare il proprio contributo per migliorare e rendere più sicura la mobilità dei ciclisti romani. Tra le tante spicca l’Associazione FIAB Naturamici che tra le molte attività cerca di portare all’Amministrazione Comunale il contributo di quanti hanno a cuore l’importantissima ciclovia del Tevere, una pista ciclabile che permette a chi la percorre di raggiungere in sicurezza il mare in un percorso incomparabile nel suo genere: un mix unico fatto di storia e natura che tutto il mondo ci invidia.

LE PROPOSTE – Nel corso dell’ultimo anno FIAB NATURAMICI ha portato avanti una serie di richieste e di proposte operative all’Amministrazione Comunale, proprio per cercare di rendere sicura la pista ciclabile, sia per chi la percorre per spostarsi all’interno della città, sia per chi la usa come spazio di allenamento sportivo. A fronte di interventi di pulizia spot, il Gruppo ha proposto l’adozione di un piano organico che superi le attuali criticità e consenta una fruizione costante dell’intero percorso che oggi presenta tratti non pedalabili per la presenza di vegetazione che ha ormai ostruito l’intera sede.

IL PERCORSO – Con l’intento di promuovere ulteriormente la ciclovia del Tevere lo scorso 10 giugno FIAB NATURAMICI ha organizzato una manifestazione scegliendo come location lo stabilimento balneare di Fregene della gloriosa ” Arma Azzurra ” che ha felicemente ospitato e sostenuto la mirabile iniziativa. È stata l’occasione per far conoscere ai tanti ciclisti che sono intervenuti la bellezza del percorso che, partendo da Roma nord, consente di arrivare in sicurezza fino al mare con una percorrenza totale di circa 100 chilometri che si articola tra i panorami storici e paesaggistici tra i più belli al mondo. Nell’occasione si è registrata la presenza di tanti amanti delle due ruote, alcuni dei quali, come l’atleta Eloisa Mustafà, hanno raggiunto importanti traguardi nello sport e sono oggi i migliori testimonial di NATURAMICI.

 

LE PERSONALITA’ – Durante la festa gli organizzatori, tramite il Consigliere Stefano Villari, hanno voluto premiare chi, come Eloisa, si adopera costantemente per la diffusione del ciclismo come pratica sportiva indossando i colori di Naturamici e del Gruppo Saette di Poste Italiane, raggiungendo importanti traguardi in manifestazioni nazionali come la vittoria nella 24 ore di Roma e la partecipazione alla rinomata ” Hero “. La manifestazione ha inoltre registrato la presenza di Monica Zibellini dell’AICS quale main sponsor e la presenza di ospiti di spicco quali Mauro di Michele, Luigi Plos e Cecilia Gentile giornalista di Repubblica.

GLI ATLETI – A margine della manifestazione, Eloisa Mustafà ha tenuto a ringraziare proprio l’Amministrazione di Poste Italiane per aver incentivato fattivamente la costituzione del gruppo di ciclisti “ SAETTE “, che pedala con gli inconfondibili colori giallo /blu. Il gruppo infatti oltre a ben figurare nelle manifestazioni nazionali, ha fatto registrare un numero impressionante di chilometri nell’ultima edizione della ECC 2017: manifestazione europea a squadre sulla ciclabilità. C’è stato anche lo spazio per le domande rivolte all’atleta che con simpatia non si è sottratta alla curiosità dei presenti che le hanno chiesto un po’ di tutto ponendo quesiti come: da quanto tempo pedali? Come curi la tua alimentazione ? Fino ad arrivare a domande tecniche sul tipo di bicicletta utilizzata e sull’abbigliamento tecnico preferito. Particolare meraviglia ha destato nei presenti la circostanza che Eloisa ha confermato dichiarando di pedalare solamente da quattro anni e ponendo così in risalto la sua grinta e determinazione.

Scrivi un commento